Il termine si riferisce alla pratica piuttosto diffusa di registrare domini lievemente diversi dai corrispettivi noti e sfruttare in tal modo i frequenti errori di battitura degli utenti per reindirizzarli su siti non desiderati.